“linguaggio del corpo femminile che allunga le braccia”

Il collegamento tra movimenti oculari  e attività mentale  fu inizialmente suggerito nel 1890 dallo psicologo americano William James nel suo libro “Principles of Psychology”. Questa relazione fu approfondita nella seconda metà degli anni ‘70 dai fondatori della Pnl  Richard Bandler e  John Grinder i quali identificarono  con maggiore precisione le associazioni tra rappresentazioni interne e movimenti oculari.

Style 24: il magazine che tratta di attualità, costume, moda, bellezza, cinema, celebrity, musica, tv, gossip. Inoltre è possibile trovare spunti interessanti su tematiche come il benessere, il sesso e sulle ultime tendenze. Suggerimenti e consigli posti dai nostri esperti del settore per tutte le necessità dei lettori. Style 24, la giusta risposta ad ogni tua curiosità.

E da un paio di mesi che ho conosciuto un ragazzo e quando esco con la mia comitiva esce spesso con noi e si mettw a parlare solamente con me….Alcuni suoi atteggiamente mi confondono le idee,quando viene suo cugino non parla molto spesso con me ma quando siamo soli mi guarda negli occhi e spesso mi fa vedere il suo telefono….

Mha, bò mmm… questo articolo mi sembra alquanto fumoso, fa millemila premesse, crea una suspance spopositata per non dire nulla, o per dire quel poco che il buon senso già non possa suggerire a chiunque. Credo che l’interpretazione dei segnali femminili vada di pari passo con l’affinità reciproca, è inutile cercare un dizionario od un manuale per agire, se non c’è attrazione non c’è un trucco per poter comunque piacere alla controparte femminile. Per quanto riguarda la rete e le chat penso che sia inutile nascondersi dietro ad un dito, la sincerità è l’arma vincente, costruire castelli di carte di illusioni non farà altro che rendere più rovinoso il crollo una volta scoperte le varie contraddizioni. Per conquistare una donna in ogni caso bisogna essere sinceri e chiari punto.

Se la donna è aiutata a comprenderne il significato trasformativo che la malattia porta con sé può fare il “salto evolutivo”, riprendere nel suo personalissimo processo di crescita personale, che è infinito e dura tutta la vita, e risolvere il problema, o quantomeno arrivare ad una comprensione ed accettazione della sua malattia priva di rabbia e risentimento perchè ora ne comprende il significato che dà senso a tutto ciò che le sta capitando.

Buonasera a tutti, innanzitutto grazie per tutti i consigli che ci sono su questo bellissimo sito. Volevo un consiglio da voi… Sono sposata da 4 anni e ho un figlio di 2, con mio marito non va molto bene da un po’, lui ora sembra cambiare, speriamo sia così. Comunque il problema è che da qualche mese mi sono presa una cotta per il mio collega. Lui è bello, simpatico e carino con me. Ora vorrei un vostro consiglio, o meglio vorrei capire se quello che vedo è qualcosa o se è solo frutto della mia cotta adolescenziale. Quando siamo seduti vicini lui allunga le gambe a toccare le mie (coscia contro coscia – se siamo più lontani ginocchio contro ginocchio), una volta mi ha accarezzato la schiena (eravamo ad una convention), mi guarda dritto negli occhi e sostiene lo sguardo, se mi trova sola spesso mi guarda, alza il sopracciglio e mi sorride, a volte mi saluta con la mano pollice, indice e anulare in su, ad una cena d’ufficio mi ha guardato tutto il tempo, chiedendomi cose personali. Si mette sempre di fronte a me e mi fissa. Ieri ad esempio era una giornata no, mi ha chiesto una cosa per lavoro ed è sbottato, mi ha chiesto scusa almeno 10 volte. Io spesso lo ammetto evito di guardarlo negli occhi, perché nonostante provi queste sensazioni mi sento molto in colpa… Secondo voi è solo la mia immaginazione o c’è qualcosa in lui??? Grazie ancora…

Salve Paolo e Fabiola!!! Mi chiamo IRENE , ho 27 anni e scrivo dalla Puglia.Ho visto alcuni vostri video su youtube e sono rimasta incuriosita 🙂 Vorrei chiedervi alcuni consigli su un ragazzo che mi piace(NON SONO INNAMORATA)ma non capisco se è interessato. PREMESSA: Sono un bel pò timida e diffidente con i ragazzi(solo delusioni). QUESTA E’ LA MIA STORIA: Ho conosciuto un ragazzo quest’ estate tramite amici in comune.Lui è più piccolo di me(ha 21 anni) ma per me non è un problema. Mi è piaciuto subito, ed erano 7 anni O_O che non mi piaceva davvero un ragazzo.La sera in cui ci siamo conosciuti, abbiamo parlato tanto e di tutto come se ci conoscessimo da tempo. E’stata una bella chiacchierata, non c’è mai stato un momento di silenzio o di imbarazzo..sentivo che c’era feeling tra noi.Quando a fine serata, ci siamo avvicinati per salutarci, un brivido\scossa mi ha percosso il corpo..non avevo mai provato una cosa cosi 🙂 Ormai ci conosciamo da 5 mesi, ma ci siamo visti solo 5\6 volte(MAI DA SOLI)lui per studio si è trasferito nella città vicina(dista 1 ora dalla mia)e torna a casa poche volte.Ogni volta che ci vediamo, è sempre un piacere per entrambi..sento che c’è un’attrazione reciproca, ma non ho nessuna certezza. Lui è single, è anche un ragazzo schietto in quello che dice, molto dolce, simpatico e affettuoso con tutti.Con me, non ha slanci di affetto forse perchè ci conosciamo poco oppure, perchè ha visto che sono un po’ timida e non si sbilancia. Con i ragazzi non riesco ad essere amica o meglio, lo sono ma a livello superficiale(ciao, come stai? ke mi racconti? ecc)cose di poco conto. MAI ad un amico gli do un’ abbraccio, non telefono, non mando messaggi, non invito ad uscire anche solo per un caffè, mi vergogno tanto e ho poca confidenza con loro. Tornando a lui, dopo quella bella chiacchierata della prima sera, ogni volta che ci vediamo oltre ai normali saluti, raramente parliamo e quasi sempre sono io la prima ad avvicinarmi. Vorrei che analizzaste questi segnali mandati da lui in 5 mesi: – MI SORRIDE SEMPRE OGNI VOLTA CHE CI INCONTRIAMO, O CHE PARLIAMO.MI SEMBRA UN SORRISO DIVERSO DA QUELLO CHE FA AGLI ALTRI. – UNA VOLTA SCHERZANDO, HO FATTO UN SORRISO ED UNO SGUARDO UN PO’MALIZIOSI(lui guardandomi, mi ha detto che quell’espressione gli era piaciuta un sacco). – UN GIORNO,ERAVAMO CON GLI AMICI A FARE COLAZIONE, E IO HO ORDINATO UN CORNETTO E UN SUCCO E LUI MI HA DETTO: WOW HAI DAVVERO DEI BEI GUSTI(dicendolo solo a me). – A VOLTE, MI HA CHIESTO IN MANIERA SCHERZOSA DEI CONSIGLI RIGUARDANTI COSE SUE. – MI GUARDA FISSO NEGLI OCCHI QUANDO PARLIAMO(io invece essendo timida, ho difficoltà a guardare negli occhi una persona mentre parlo). – A VOLTE, L’HO SORPRESO A FISSARMI E POI GIRARE DI SCATTO LA TESTA. – AD UNA FESTA ERO SEDUTA SUL DIVANO, ALL’IMPROVVISO LUI SI E’ AVVICINATO, SI E’ PIEGATO VERSO DI ME E MI HA MESSO UNA MANO SULLA PARTE ALTA DELLA COSCIA;CON GIRI DI PAROLE SUSSURRATE NELL’ORECCHIO(causa musica alta) MI HA CHIESTO DI FARGLI POSTO. – UNA VOLTA PARLANDO DEL PIU’ E DEL MENO, MI HA CHIESTO SE AVEVO IL SUO NUMERO DI TELEFONO(io gli dissi di no e ci scambiammo i numeri) – MI HA CHIESTO DI MANDARGLI UN MESSAGGIO,QUANDO MI CAPITAVA DI ANDARE NELLA CITTA’ DOVE STUDIA COSI MAGARI, CI SAREMMO FATTI UN CAFFE'(essendo la città vicina grande, ogni tanto vado a farmi un giro da sola o con amiche).( ieri sono andata nella città grande e gli ho mandato un messaggio..ma lui doveva studiare e non ci siamo visti..e quindi il caffè era rimandato). – UNA SERA, A DISTANZA DI 2 MESI DA QUANDO CI ERAVAMO CONOSCIUTI, MI HA DETTO CHE RICORDA ANCORA CON PIACERE LA CHIACCHIERATA CHE IO E LUI CI SIAMO FATTI LA PRIMA SERA. E CHE AVEVA PARLATO DI ME CON SUA MIGLIORE AMICA. Ora a me sembrano segnali di interesse, anche perchè mi accorgo subito quando un ragazzo prova qualcosa per me..e infatti poco dopo ricevo sempre una dichiarazione. Solo 2 volte ho frainteso, ed è stato un brutto colpo.Erano proprio i ragazzi che mi sono piaciuti di più in tutta la mia vita. Credevo di piacerli, e non capivo perchè non si facessero avanti cosi, mi sono dichiarata ed è stato un disastro..AVEVO FRAINTESO TUTTO.Non farò mai più una cosa del genere ma allo stesso tempo, non voglio vivere nel dubbio come adesso.. SPERO POSSIATE AIUTARMI E SCUSATE IL TESTO LUNGOOOOOOOOO 🙂 GRAZIE, IRENE 🙂

Ci occupiamo spesso di linguaggio del corpo, tecniche di comunicazione, attrazione sessuale e comportamento maschile e femminile nella seduzione e nel corteggiamento. Ebbene: è proprio il caso di smontare un altro dei i luoghi comuni più diffusi! 

Il linguaggio del corpo è molto più importante di quello che si possa pensare. Il 55% della comunicazione passa infatti attraverso il non verbale e la gestualità ed è quindi fondamentale conoscerne i segreti per una corretta interpretazione. Anche in amore ad esempio, il linguaggio del corpo è una parte centrale della seduzione e dell’attrazione. Perché dunque non facilitarsi la vita, imparando a leggere correttamente il linguaggio del corpo e sfruttare al meglio la gestualità?

Ho sempre la sensazione che lui voglia farmi ridere, quando mi parla mi guarda fisso negli occhi (tanto da imbarazzarmi e da farmi distogliere lo sguardo), mi prende sempre in giro e continua a stuzzicarmo, se faccio commenti positivi su altri uomini lui mi dice che ho pessimi gusti, tocca spesso le mie cose e raramente cerca il contatto fisico, qualsiasi cosa io dica lui è sempre d’accordo con me, quando i colleghi ci prendono in giro dicendo che siamo una bella coppia lui non batte ciglio.

Ovviamente ogni suo gesto va contestualizzato, ed è importante far leva su più indizi, perché la posizione che lei andrà ad assumere durante l’interazione potrebbe essere dovuta anche a fattori che esulano dall’attrazione fisica, ma sono riconducibili a casualità o circostanze.

Poi è sempre premuroso, a volte per far esercizio o mentre ci spostiamo mi sfiora il sedere mi sembra a volte. E anche gli altri Personal Trainer della palestra incominciano a fare battutine e a salutarmi.

Entrambi i fianchi girati verso di te: quando qualcuno è molto preso da una conversazione tende a girare l’intero corpo verso l’interlocutore, o almeno ci prova. E’ un ottimo segnale del linguaggio del corpo femminile.

Chiudere le gambe a croce tenendo le gambe indipendenti è una postura sicura che denota un carattere aperto, non convenzionale; se invece le gambe sono cinte dalle braccia la posizione indica autoprotezione;

Buonasera, io ho dei dubbi riguardo un uomo che ho incontrato in palestra a fine marzo. Premesso che abbiamo 18 anni di differenza, io 23 e lui 41, entrambi single. La prima volta che ci siamo conosciuti si è presentato lui tutto sorridente e mi ha preso appuntamento per provare una seduta (visto che lavoro nella palestra che lui frequenta ed insegna come istruttore). In questi mesi ho notato che mi guarda spesso, si piazza in entrata con le spalle dritte e tiene il busto verso di me e una volta muoveva nervosamente la gamba. Io purtroppo essendo timida mi limito a guardarlo ogni tanto anche se mi piace molto! Qualche settimana fa nel parcheggio della palestra mi saluta da lontano e mi dice che è da un po’ che non ci si becca in palestra e mi chiede se lavoro ancora lì (il tutto ,entro parlava accanto a me e cercava di avvicinarsi col viso sempre sorridendo). Io gli ho chiesto del lavoro e come sta e poi fine. Molto spesso quando sono in entrata e c’è anche lui tende a parlare ad alta voce e a dire i suoi programmi tipo “sabato mattina sono qui in palestra ecc” e ho notato che è spesso agitato quando ci sono, tanto che una delle ultime volte ci siamo visti ma non ci siamo salutati. (Anche perché era chino sul telefono con le spalle rivolte verso me da lontano) Poi due settimane fa sono stata ad una festa dove sapevo che lui lavorava lì come barman e sono andata a farmi fare un drink da una sua collega perché ero imbarazzata, lui da lontano mi ha tirato un cubetto di ghiaccio sorridendo e l’ho salutato. La scorsa settimana sono tornata alla festa e sono andata da lui per il drink, mi ha salutato per primo col sorriso e mi ha fatto l’occhiolino poi al momento dell’ordinazione si è avvicinato al mio viso per sentire meglio.. tutti questi suoi segnali mi hanno invogliata ad aggiungerlo su fb venerdì notte dopo essere tornata dalla festa, lui ha accettato la mia richiesta dopo un’ora ma non mi ha scritto nessun messaggio.. cosa devo fare per fargli capire che mi piace? Devo aspettare o scrivergli io? Grazie mille in anticipo 🙂

Quando le persone soffrono di depressione oppure attraversano un periodo difficile nella loro vita, il loro corpo può rispecchiare questa pesantezza che li porta a curvarsi e afflosciarsi su se stesse. Questa posizione è spesso accompagnata da una scarsa mimica facciale, dalla posizione degli occhi nella posizione del dialogo interno o cinestesico e della testa inclinata verso il basso.